Chi sono

Arriva, senza scampo, un momento in cui il desiderio di indulgere nell’autocompiacimento è irrefrenabile. Se avessi avuto un nome vagamente esotico, magari impreziosito da qualche improbabile acca, mi sarei forse prestata per un book fotografico di imbarazzante impatto visivo. Preferisco però pensarmi dotata di una rispettabile dose di buon gusto e la mia vanità si è più modestamente tradotta in un quadro a tecnica mista su tela: questa sono io. O meglio, questa è l’immagine di me che il pittore a cui ho affidato il compito di ritrarmi, tenendo a bada con stiracchiata bravura le mie compulsive manie di controllo, ha composto con l’ausilio di foto e indizi sparsi.

Non occorre particolare acume per intuire che sono una bibliotecaria dai capelli ricci, ora in verità ben più lunghi e selvaggi, appassionata di chiocciole, che amo chiamare ciammaruche in ricordo delle felici vacanze montane dell’infanzia, e che apprezzo, infinitamente, le amplificanti possibilità offerte dalla tecnologia. Sullo screen saver campeggia la mia citazione preferita che, oltre a condensare in maniera lapidaria ed efficace la realtà nuda e cruda, esprime tutta la curiosa e inestinguibile passione che metto in quella che, dopo oltre dieci anni di attività, continuo a considerare la più bella professione al mondo: la mediazione della conoscenza.

Dal quadro non si evince, ma contro ogni mia previsione sono recentemente stata promossa a mamma: e anche qui ci sarà da mediare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...